NBA e Detroit Pistons hanno citato in giudizio la morte in tribunale di Zeke Upshaw

La madre del giocatore di basket Zeke Upshaw sta facendo causa ai Detroit Pistons e alla NBA, sostenendo che la lega e la squadra avrebbero potuto salvare la vita di suo figlio dopo che è crollato in campo all'inizio di quest'anno.

Upshaw stava giocando per la squadra della G-League dei Pistons, il Grand Rapids Drive, quando è crollato in campo durante gli ultimi minuti di una partita del 24 marzo 2018.

La guardia di 26 anni, un'ex star di Hofstra, non ha mai ripreso conoscenza e morì 2 giorni dopo da morte cardiaca improvvisa.



Ma la mamma di Zeke dice che avrebbe potuto essere salvato se il personale medico si fosse precipitato a curarlo immediatamente.

Invece, dice Jewel Upshaw... ci sono voluti 4 minuti cruciali prima che un dottore si occupasse di Zeke -- niente RCP, niente compressioni toraciche, niente misure salvavita di alcun tipo.

In effetti, afferma che il medico della squadra era 'uscito prima della fine della partita di basket e non era presente né disponibile quando Zeke è crollato'.

Jewel afferma che quando i medici alla fine si sono presi cura di Zeke, il trattamento è stato così scarso - in seguito ha appreso che il corpo di Zeke 'è rimasto senza ossigeno per altri quaranta minuti ... lasciando il suo cervello completamente privato di ossigeno'.

'A questo punto, non c'era più cervello sano da salvare'.

Jewel afferma che la NBA ha avuto così tanta esperienza con giocatori che hanno subito una morte cardiaca improvvisa nel corso degli anni - da Reggie Lewis a Conrad McRae -- ci dovrebbe essere un protocollo adeguato per gestire questo tipo di situazioni.

Nella sua causa, Jewel afferma che 'semplicemente non c'è una buona ragione per cui gli imputati siano stati impreparati a eventi di morte cardiaca improvvisa come quello di Zeke e per la loro incapacità di reagire rapidamente per salvare una vita'.

'Se professionisti medici adeguatamente formati avessero somministrato un trattamento rapido e adeguato, Zeke sarebbe ancora vivo'.

Jewel dice che sta facendo causa nella speranza di cambiare le politiche della NBA in modo che nessun'altra madre dovrà sperimentare quello che ha passato.




Fonte